Dal Blog della Protezione Civile di Solbiate Olona

Share Button

Come tutti hanno potuto leggere dai giornali, sostenuto in questa scelta anche dai volontari del gruppo di ProCiv, anch’essi fermi su quanto condiviso nelle ormai famose lettere a protocollo 4555 e 4658, non me la sono proprio sentita di porgere le mie scuse al Sindaco. Ricordo inoltre che è diritto di ogni cittadino protocollare osservazioni, specie quando certe cose sono state ribadite più volte a voce, senza essere realmente ascoltate e considerate.
D’altronde non possono esserci scuse, se non vi è errore. Sarebbe stato positivo trovare un accordo facendo tutti un passo indietro, e di questo tentativo ringrazio il Vice-Sindaco Macchi. Ma quando l’accordo sembrava raggiunto ecco invece che alcune ore dopo cambia nuovamente tutto, niente di quello discusso e deciso va più bene. E chissà come, sono sempre gli altri a non capire …
Poco male. Fortunatamente di fronte a certi atteggiamenti del Sindaco e ai suoi continui cambiamenti/mutamenti di posizione, dei quali io stesso faccio fatica ancora oggi a capirne le motivazioni, ci sono invece dimostrazioni importanti che mi consolano:
– La capacità di far gruppo da parte dei volontari di Protezione Civile, che ha permesso di accantonare l’idea, nata dall’istinto, di dimettersi in blocco per dimostrare i propri diritti attraverso un’azione forte e plateale, e di dare prova di responsabilità nei confronti dei cittadini garantendo presenza e aiuto nelle situazioni di emergenza;
– La voglia dei volontari, soprattutto dei più giovani, di non abbassare la testa di fronte al Sindaco o all’Assessore, e di saper esporre e motivare il loro pensiero in ciascuna riunione svolta, senza alcun timore reverenziale (ci sono ancora i giovani con gli attributi!);
– La solidarietà dimostrata nei miei confronti e verso il gruppo di ProCiv da tantissime persone nei riguardo a una presa di posizione esagerata (la revoca del mio incarico), volta esclusivamente a riportare il controllo totalitario del Gruppo nelle mani di una singola persona.

Dall’altra parte leggiamo l’ennesimo ribaltone del Sindaco nelle dichiarazioni riportate sulla Prealpina del 9 luglio: “la Protezione Civile è arrivata alla conclusione che auspicavo. Le competenze sono definite dalla Legge e finalmente si torna alla normalità”.
Finalmente un’ottima dichiarazione politica, ma mi viene il dubbio che non abbia mica tanto capito…

Lasciamo perdere. Voglio ringraziare ancora una volta i “miei” ragazzi che dimostrano come, nonostante io sia stato cacciato, il gruppo abbia reagito adattandosi al cambiamento, ed ora lotta più che mai per la “sopravvivenza”.
Ragazzi, non distruggete ciò che abbiamo fatto insieme in questi anni e dimostrate il vostro valore, soprattutto di fronte a chi di valori non ne ha!

Roberto Viganò

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.