Cronaca di un ricorso annunciato.

Share Button

Cronaca di un ricorso annunciato.

Sull’Albo pretorio della Provincia di Varese è stata pubblicata la delibera n.72 “RICORSO DINANZI AL T.A.R. LOMBARDIA – MI PROMOSSO DALLA PROVINCIA DI VARESE CONTRO IL COMUNE DI SOLBIATE OLONA PER L`ANNULLAMENTO, PREVIA SOSPENSIONE, DELLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 21/12/12 RELATIVA ALL`APPROVAZIONE DEL P.G.T.”

La cosa non ci sorprende,  piu’ volte abbiamo fatto presente durante i Consigli Comunali che il parere espresso dalla Provincia era molto chiaro:

” valutare compatibile con il “Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale” il “Piano di Governo del Territorio” del Comune di Solbiate Olona, a condizione che il Comune stesso, in sede di approvazione, provveda ad adegua il proprio piano alle disposizioni prevalenti del PTCP

La parte del PGT in discussione è quella riguardante l’ambito di trasformazione AT 4-1 l’area che, da attuale destinazione agricola, con il nuovo PGT è stata destinata alla delocalizzazione degli insediamenti industriali del fondovalle.

Era evidente a chiunque che la Provincia poneva una condizione chiara, la rimozione della trasformabilità da agricoli in produttivi dei terreni indicati come zona d’ambito AT 4-1. Il parere della Provincia venne volutamente ignorato e quando da parte nostra insistemmo sull’importanza della condizione posta dalla Provincia, ci fu risposto che si trattava di una nostra interpretazione.

Il ricorso al TAR presentato della Provincia conferma che non si trattava di una nostra interpretazione ma una discutibile presa di posizione da parte dell’attuale Amministrazione che ha portato il Comune di Solbiate al triste primato di primo caso di ricorso su 70 PGT già analizzati.

Tutto questo avviene mentre la Voce Solbiatese, nel suo ultimo numero, persevera nel vantare le qualità del PGT (redatto e approvato senza condivisione) sostenendo  che non prevede trasformazioni di aree da agricole-boschive a edificabili.

Così, mentre i cittadini aspettano di conoscere le sorti del milione di euro della fideiussione della piscina (del quale per il momento conosciamo solo le ingenti spese legali finora sostenute), mentre l’Assessore al bilancio ci ricorda che il 2012 è stato “Annus Horribilis” e per il 2013 mette dei punti di domanda e invoca la Divina Provvidenza e mentre l’intera Giunta pensa a intitolare opere esistenti, probabilmente il Comune dovrà sostenere altre spese causate da prese di posizione o “scelte” come spesso ama definirle il Sindaco.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Cronaca di un ricorso annunciato.

  1. simone says:

    Ottimo, articolo davvero interessante, era proprio quello che cercavo! Grazie per lo spunto!

Rispondi a simone Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.